Joseph Beuys vs Beuys Joseph

 

Joseph Beuys, Autoritratto con cappello, 1970 ca, Serigrafia su PVC, recto/verso, 46 cm x 46 cm, firmata sul recto Joseph Beuys, Firenze, Galleria degli Uffizi

 

tot

 

 

joseph-beuys-e2809ci-like-america-and-america-likes-mee2809d-performance-1974-7

Joseph Beuys, I like America and America likes me, René Block Gallery, New York, 1974.

 

 

 

 

La giornata vive dell’attesa di R., la quale riesce con misurata resistenza alla sua naturale disciplina affettiva germanica a dare un senso familiare alla nostra casa. Le dono il Decalogo di Kieslovski, che si rivela però un regalo fuori posto, e ora osservo disorientato e inutile sul tavolo. Dopo, di fronte alle foto di Beuys, ci parla delle sue lezioni e della democratizzazione dell’arte. Quando siamo soli, assaporiamo le parole di René Char: «Voi accostate alla lampada un fiammifero e quel che s’accende non rischiara. Lontano, molto lontano da voi, il cerchio illumina».

La storia è nota, ma dovremmo dire “narra la leggenda”. Non sappiamo infatti cosa c’è di vero e quanto è leggenda. Un giovane aviere della Luftwaffe il 16 marzo 1944 cade, durante un attacco aereo, in Crimea nella distesa della neve monotona e mortale. L’uomo non muore ma si salva grazie alle cure di popolazioni tartare nomadi, che lo cospargono di grasso e lo proteggono con il feltro. L’episodio sarà un nascere a nuova vita, l’elemento su cui costruire un nuovo passaggio, una nuova arte, i tartari furono gli sciamani che lo traghettarono oltre il proprio Sé.
Trent’anni dopo quell’uomo partecipa a New York ad una sua istallazione artistica: I like America and America likes me. Siamo in piena guerra del Vietnam, l’uomo che viaggia ormai con il suo cappello di feltro si fa accompagnare in ambulanza sino alla galleria per non calpestare il suolo statunitense. Vivrà per alcuni giorni con un coyote e protetto da una coperta come era avvenuto nella steppa 40 anni prima. La performance comprendeva alcuni rituali (il tintinnare di un triangolo, la posa di copie del Wall Street Journal sul pavimento, dove il coyote urinerà, l’indossare grossi guanti di pelle d’orso): il coyote, simbolo e rappresentante delle culture native nordamericane, a poco a poco prende confidenza dell’ambiente e dello strano sciamano del XX secolo e si accuccerà accanto a lui.

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...