Virgilio Carmignani vs Carmignani Virgilio

 

Virgilio Carmignani, Autoritratto, 1937, olio su tavola, cm 23×17. Empoli, collezione privata.

 

II_G

 

 

 

virgcarm

 

Virgilio Carmignani, Ritratto

 

 

 

Virgilio Carmignani (Empoli, 1909- 10 agosto 1992) – Vi è nella pittura di Carmignani un tratto di sottrazione, una punta di delicatezza testimoniata da un colore mai acceso eppure luminosissimo che denota profondità spirituale e un’indole ascetica. Come le sue nature morte (si veda la Natura morta con bicchiere di vino, uno straordinario esempio di pittura metafisica senza il minimo tratto di astrattismo), i suoi Autoritratti rimandano un’interiorità dignitosamente dolente ma senza alcun sentimento di autocommiserazione. Virgilio Carmignani era stato segnato dalla dura prigionia nel campo di concentramento di Biala Podlaska, in Polonia, e a Wintzerndorf dall’ottobre del 1943 al settembre del 1945, dove, lui racconta, aveva cercato salvezza nel tratteggiare nell’incerto e precario destino di ritagli di carta l’assurdità di una vita umiliata.
Trascorse la vita a Empoli e insegnò all’Istituto d’Arte di Siena fino al 1970.

 

Un libro:
Virgilio Carmignani, Fram(m)menti in punta di lapis, a cura di Silvano Salvadori ; Firenze, Polistampa, 2002

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...