Umberto Eco et alii ~ Povero Pinocchio

 

Roberto Innocenti, Pinocchio

Roberto Innocenti, Pinocchio

 

 

Povero Pinocchio

 

Povero Papà (Peppe)
palesemente provato penuria, prende prestito polveroso pezzo pino
poi, perfettamente preparatolo, pressatolo, pialla pialla, progetta,
prefabbricane pagliaccetto.
Prodigiosamente procrea, plasmando plasticamente, piccolo pupo pel
palato, pieghevole platano!
Perbacco!

 

 

Pigola, può parlare, passeggiare, percorrere perimetri, pestare
pavimento, precoce protagonista (però provvisto pallido pensiero),
propenso produrre pasticci. Pronunciando panzane protubera propria
proboscide pignosa, prolunga prominente pungiglione, profilo puntuto.
Perde persino propri piedi piagati, perusti!
Piagnucola. Papà paziente provvede.
Pinocchio privo pomodori, panciavuota, pela pere.
Poco pasciuto, pilucca picciuolo.
Padre, per provvedergli prestazioni professorali, premurosamente
porta Pegno palandrana.
“Pensaci” punzecchialo peritissimo, prudentissimo parassita
parlante, “prudenza, perseveranza!
Prevedo pesanti punizioni!”.
“Piantala petulante pignolo!”
Presuntuoso pupattolo percuote pedagogo piccino piccino (plash!)
producendone poltiglia.
Peccato.
Poteva piuttosto porgergli padiglione.
Poi parte pimpante, privo pullover.
Papà piange preoccupato: “Pinocchio perduto!”
Pellegrino, percorre perennemente pianure paludose.
Pinocchio pedala pedale, pervicacemente peregrinando per piazze,
partecipa pantomima pupazzetti, periclita presso pentola, prende
pochi pennies [1].

Pervenuto Pub Palinuro Purpureo, per perfidi personaggi poco
popolari (pirati, paltronieri perdigiorni) penzola penoso patibolo [2].
Puella portentosa (parrucca pervinca) provvede poliambulatorio
pennuto, parlagli predicando perfetti principi, promettendo prossima
pubertà, persino parvenza piacente persona [3].
Pinocchio pare puntiglioso, persistente, predeterminato.
Palle. Parole. Parcamente persegue positivi propositi.
Preferisce passatempi pestilenziali, percorsi puntellati perigli
paurosi, perdendo possibilità parascolastiche.
Pianta parecchi pesos per prati, per procacciarsi più palanche;
però (poco perspicace) perde personale pecunia.
Protestare?

Procuratore paese Prendi Pirla provvedegli prigione.
Può pappare poco pane perché psicologicamente, patologicamente parlando, preferisce pascolare pigramente. Perciò permane pioppo puerile.
Passo passo provoca pandemoni, prende percosse, passa per patimenti plurimo. Pensate: piccione portalo porto, pescatore pensa panarlo padella!
Pestifero Pierino perditempo (parimenti propenso pazzie)
prefiguragli paese
peccaminoso, parco proibito, piaceri paradisiaci, piroette,
passatempi pagani, prestidigitazioni.
Persuaso, Pinocchio partecipa, prendi parte.
Postiglione pacioccone (però perverso) portalo posto promesso,
pullulante pelandroni poco perbene.
Pinocchio potrebbe pur presentir pena perpetua!
Parliamone pure: pino partorisce peli!
Porca peppa!
Paludato pellame, pressoché puzzolente pony!
Persone percorso, Pinocchio (puf) penetra pelago procelloso.
Per penosissimi peripli perde pelle puteolente, perviene penetrare pancia pulsante pantagruelico pesceane. Perlustrandolo percepisce papà, precedentemente preda prelibata!
“Papà! Perdono!”
“Perdirindina, Pinocchio, prediletto pasticcioncello, pazzarello!”
padre provvede pasto pesciolini.
Pinocchio paladino, prende padre portandolo per ponderoso palato pesce, producesi prodezze, paga personalmente, praticamente perisce (pare).
Provvidenziale pulzella poteri paranormali, prodiga Pandora, protegge Pinocchio per pietà, perora purificazione.
Passati patemi, pienamente pentito, Pinocchio, prosciolto per piccolissimi peccati, premiato per proba passione, per pia prestazione, permutasi piacevole putto paffuto.
Paradossale!
Posiibile?
Pupazzo prima, primate poi?
Proteiforme pargoletto, perenne Peter Pan, proverbiale parabola pressoché psicoanalitica!

 

 

N O T E

[1] Mai marinare!
Mangiafuoco malfamato manovratore marionette mangia montoni, mucche,
muffloni (monstruosa merenda) mentre mostra manichini mascherati.
Mamma mia! Meritatamente minaccia masticare mariuolo mentitore.
Monello mortificato monnora meste melensaggini (“Misero me! Mercé,
Maestà!”), minimizza marachelle, menziona malasorte, mendica,
muovendo misericordia. Mangiafuoco, mefistofelico ma mite, mostrase
miracolosamente munifico, magnanimo, molla manciata monete. Marenghi!
(Mascalzoncello mollerà melensamente malloppo mefitici malfattori
malandrini.)
[2] Guardali, vedi?
Gatto, volpe.
Gozzoviglianti, versipelli, guatano vili, giovendosi veloci
gonzaggine vagheggini geppetidi vispi.
[3] Fida fatina, fulgente figurina frondosa fluttuanti fiordalisi!
finte fiere furbacchione frastornavano felloncello ferito, fascendo
fantasmagoriche farmacopee (faine favoriva febbre furfantello).
Favellasti fervida: “Fiducia! Finora fosti fantoccio, fingevi
fanfaluche. Facesti fiasco. Forza! Fruirai futura figura fanciullo!”.
Fosti fededegna: fenomenalmente, figlio falegname (fortunato
filugello) fion: fuoriusci frugoletto fuoriclasse.
Favola?
Forse.
Filando fievoli fantasie, fiabe fruttificano felicemente fatti.

 

 

Pubblicato in
Umberto Eco, Povero Pinocchio : giochi linguistici di studenti del Corso di comunicazione / a cura di Umberto Eco ; Modena : Comix, 1995

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...