Carlo Collodi e Fabrizio Peli ~ Pinocchio in aretino

 

Lorenzo Mattotti, Pinocchio

Lorenzo Mattotti, Pinocchio

 

 

COM’ ANDETTE CHE ‘L SÒR SARÉGIA, FALIGNAME, TROVÒ ‘N PEZZO DE LÉGNO, CHE PIÀGNIVA E RIDIVA COME ‘N CITTO BIGHJÌNO

 

C’éra ‘na volta …

– En re! – dirèno subbeto i citti che me stèno a sintì. Noe, citti, éte sbaglio. Céra ‘na volta ‘n pezzo de légno.
Unn’éra ‘n legno de queli bóni, ma ‘n tizzone de catèsta, de queli che de ‘nverno se metteno ‘n le stufe o ‘nnî camini per atizzère ‘l fóco e scaldà le stènze.

 

Un so come isse, ma ‘l fatto ène che ‘n bel giorno ‘sto tizzone capitò innela bottega d’en vecchjìo faligname che de nome se chjamèa Antonio, ma che tutti chjamèveno sòr Saregia, per via dela ponta del nèso, ch’aìva sempre lustra e ruvìta come ‘na saregia mézza.

Apéna el sòr Saregia vidde quel tizzone, rinvirzigulì tutto, se strupicciò le mane pé’ l’alligria e borbottò ‘n tra de séne:

– ‘Sto tizzone ène arivo a buco: vòlgo facce ‘na gamba de tavulino. –

Ditto cusìe, prese lo scurcino aróto pé’ ‘ngumincià a cavagne la buccia e smusciàllo ‘n póco, ma quande fue innel pònto de tiragne ‘na scurcinèta, armanse col braccio pé’ l’eria, perchè sintì ‘na vucina liggéra liggéra, che gné diciva raccumandandese:

– Un me bordà tanto forte! –

Figurateve vo’ com’armanse quel póro vecchjìo del Saregia!

Strabuzzò l’ócchji ‘ntorno a la stenza per vedé de ‘ndu putiva èsse’ viensuta quela vucina, e un vidde nissuni! Aguardò sotto ‘l banco, e nissuno; aguardò drénto l’armèdio che tinìa sempre chiuso, e nissuno; aguardò innel cesto de trucili e dela segatura, e nissuno; aprìe l’uscio dela bottega per dà n’occhjèta anco n’la via, e nissuno! O alora? …

– Alò, ho capito; – disse alora mentre gné viniva da ride e da grattasse ‘l parrucchino – se vede che quela vucina me la sò ‘mmaginèta da méne. Armettimece a lavorè. –

E arpreso lo scurcino ‘n mano, tirò giue innel légno ‘n chjòcco boia.

– Ohi! m’éte fatto mèle! – strillò bociando la sòlleta vucìna.

Stavolta Saregia armanse de stucco, co’ l’òcchji de fòri da la paùra, cola bocca spalanca e co’ la léngua ciondeloni infino ala bazza, come ‘l boccalone dela fontèna.

Apéna gn’artonnò la bòce, anguminciò a di’ bubbolando e ‘ntrogliando pè’ lo sturbo:

– Ma de ‘ndu ène scappa ‘sta vucina cha ha ditto ohi? .. Eppure qui ‘n c’ène ‘n’annema viva. Un sarà mica ‘sto tizzone de légno che ‘mparo a piègne e lamentasse come ‘n citto pichjìno? Noe, n’ce posso créde. ‘Sto tizzone quìe, ène ‘n pezzo de légno come tutti quel’altri, e a buttallo nel fóco, c’è da fà bullì ‘na pentéla de fagióli … O alora? che ce sia rimpiattato drénto qualcheduno, peggio per lue. Mò l’asistemo io! –

E ditto cusì, achjappò con tutte dua le mane quel póro tizzone e se misse a sbatacchjèllo come ‘n matto contro ‘l muro dela stènza.

Doppo se misse a ‘scoltà, per sintì si c’éra qualche vucina che se lamintava. Aspettò du’ menuti, gnènte; cinque menuti, gnènte; ghjéci menuti, gnènte!

– Alò, ho capito: – disse alora cercando de ride e grattandese ‘l parrucchino – se vede che quela vucina che ha ditto ohi, me la so’ ammaginèta da mene! Armettémece a lavorè. –

E siccome gn’éra anentra adosso ‘na bella paùra, anguminciò a canterellà per fasse coraggio.

Entanto, misso da parte lo scurcino, prese ‘n mano la pialla, per piallà e aliscià ‘l pezzo de légno: ma innel mentre che lo rucinèva ‘n sue e ‘n giue, arsintì la solleta vucina che gné disse ridendo:

– La vú smette! me fè’ ‘l solléteco innel corpo! –
Stavolta ‘l póro Saregia, cascò come furmenèto. Quando riaprìe l’ócchji, s’artrovò a sidere ‘n terra.

El muso parìa sfigurèto, e anco la ponta del nèso, da vinazzèta come l’aiva sempre, gn’éra doventa turchina da la paùra.

 

 

 

Tratto da:
Carlo Collodi, La storia de Pinocchjo arconta en la léngua chjanìna che se parla en quel de ‘Rézzo da Fabrizio Peli : illustrata con tavole a colori di Alberto Fremura / Cortona : Grafica L’Etruria, ©1997 · [ISBN] 88-7996-016-4 ; Variante del titolo · Pinocchio in aretino. ; Classificazione Dewey
· 853.8 (21.) Narrativa italiana, 1859-1899

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...