Benedikt Livšic ~ «Quando Marinetti venne in Russia» (1)

 

Nikolaj Kul'bin, Ritratto di F. T. Marinetti, 1914, Stampa su linoleum

Nikolaj Kul’bin, Ritratto di F. T. Marinetti, 1914, Stampa su linoleum

 

Noi e l’Occidente

 

1. Alla fine dell’anno Kul’bin[1], che manteneva una corrispondenza regolare con l’estero, mi informò che Marinetti sarebbe venuto in Russia. Avrebbe visitato Mosca, poi San Pietroburgo, come già convenuto tra lui e Tastevin che, come delegato della società parigina “Les grandes conférences”, organizzava le sue conferenze nelle due capitali.
 
A Mosca in quel momento non c’era nessun futurista: David Burljuk[2], Kamenskij [3] e Majakovskij erano in tournée nel Sud. Era quella famosa tournée cui prese parte Severjanin e che finì con il suo litigio con Majakovskij.
 
Circa tre giorni prima dell’arrivo di Marinetti, uscì su uno dei giornali di Mosca un’intervista di Larionov[4]: il capo del raggismo dichiarava che si doveva coprire di uova marce il capo del futurismo perché aveva tradito i principi da lui stesso proclamati.

 

Continua a leggere

«Lingua, folclore, poesia e pittura» ~ Tzevan Todorov intervista Roman Jakobson (1)

 

Kazimir Malevič, The Knifegrinder

Kazimir Malevič, The Knifegrinder (Principle of Glittering), 1912-13, oil on canvas, 79.5 x 79.5 cm, Yale University Art Gallery, New Haven, CT

 

INFANZIA

 

Tzevan Todorov: Lei è nato a Mosca l’11 ottobre 1896, professor Jakobson. Ci può dire qualcosa del suo ambiente familiare?

Roman Jakobson: I miei genitori erano i tipici rappresentanti di quella che in russo si chiama ancora l’intelligencija; del resto anche in francese questa parola è nota. Mio padre aveva studiato al Politecnico di Riga, a quel tempo molto famoso, e vi aveva conseguito la laurea in ingegneria.
Abitavamo a Mosca, a pochi passi dal Cremlino. Con i miei genitori i rapporti erano amichevoli. Le necessità economiche avevano costretto mio padre a lavorare nell’industria, anche se la sua vera passione erano le scienze; ho sempre pensato che rimpiangesse questa scelta obbligata e che l’antico desiderio restasse vivo in lui. Per questo, sin dall’infanzia sognavo un lavoro in campo scientifico. Ero il primogenito di tre fratelli. Uno è ora direttore della sezione slava alla Biblioteca del Congresso a Washington; è uno storico e ha al suo attivo numerose pubblicazioni importanti sulla storia dell’Europa orientale. L’altro, un economista, autore di un interessante saggio sulle organizzazioni professionali, morì durante la guerra, in Francia, all’epoca dell’occupazione nazista.

 

Continua a leggere

Marisa Mori vs Mori Marisa

 

mori_marisa-autoritatto-OM3be300-10268_20130711_0091-3_678 (1)

Marisa Mori, Autoritratto in azzurro, 1929, olio su compensato, cm 69,5 x 50, Galleria degli Uffizi, Firenze

 

 

 

Continua a leggere

Umberto Boccioni vs Boccioni Umberto

 

Umberto Boccioni, Autoritratto, 1907-1908 olio su tela, 70 x 100 cm. Milano, Pinacoteca di Brera

 

Umberto Boccioni, autoritratto

 

Continua a leggere