Carmina Priapea, 27- 39

 

Sileno e Eros

Sileno ed Eros, Bassorilievo del I secolo

 

27. Quinzia, delizia del popolo, straconosciuta al grande Circo,
esperta insuperabile nel muovere il culo,
cimbali e crotali, armi che lo fanno rizzare, a Priapo
dedica e aggiunge pure i timpani assordanti.
In cambio, chiede, piaccia sempre al suo pubblico
e che la schiera dei suoi ammiratori lo tengano dritto come il dio.

 

27 – Deliciae populi, magno notissima Circo, / Quintia, vibratas docta movere nates, / Cymbala cum crotalis, pruriginis arma, Priapo / Ponit et adducta tympana pulsa manu. / Pro quibus, ut semper placeat spectantibus, orat, / Tentaque ad exemplum sit sua turba dei.

 
Continua a leggere

Carmina Priapea, 14 – 26

 

Peruzzi, Villa Farnesina o del Chigi

Baldassarre Peruzzi, Villa Farnesina, Roma

 

14. Ehi, ehi, chiunque sei, non credere
di scansare il sacello del dio sozzone.
E se hai passato la notte con la femmina,
non c’è motivo di temere ad entrare.
Lascia ogni finezza agli dèi severi:
noi siamo robetta, dèi minori
di campagna, lo vedi, stiamo con le palle al vento sotto gli occhi di Giove.
E allora, la porta è aperta per tutti, anche se qua
è ancora tutto nero sporco di bordello.

 

14 – Huc huc, quisquis es, in dei salacis / Deverti grave ne puta sacellum. / Et si nocte fuit puella tecum, / Hac re quod metuas adire, non est. / Istud caelitibus datur severis: / Nos vappae sumus et pusilla culti / Ruris numina, nos pudore pulso / Stamus sub Iove coleis apertis. / Ergo quilibet huc licebit intret / Nigri fornicis oblitus favilla.

Continua a leggere

Carmina Priapea, 1 – 13

 

Albero dei peni

Anonimo, L’albero dei peni, secolo XIII, Massa Marittima

 

 

1. Se ti appresti a leggere questi versi audaci ma alla buona
non aggrottar le ciglia come farebbe un palloso Latino.
Mica sono la sorella di Apollo, o una Vesta qualunque,
o quell’altra che uscì dalla testa di un Giove!
Sono il rosso custode degli orti, dotato di un membro fuori dal normale,
che non ci penso neppure a tenerlo nascosto con un panno.
Se ti schifa, copri con la tonaca quello che vuoi coprire,
altrimenti leggi questi versi con gli occhi con cui lo guardi.

 

1. Carminis incompti lusus lecture procaces, / Conveniens Latio pone supercilium. / Non soror hoc habitat Phoebi, non Vesta sacello, / Nec quae de patrio vertice nata est, / Sed ruber hortorum custos, membrosior aequo, / Qui tectum nullis vestibus inguen habet. / Aut igitur tunicam parti praetende tegendae, / Aut quibus hanc oculis adspicis, ista lege.

Continua a leggere

Venere e Marte

uffizi_08_2014 047

Venere e Marte, scultura romana del sec.II (inizio), marmo greco, (part.) – Firenze, Galleria degli Uffizi – foto di Rendel Simonti

 

 

Vinci con l’eterna ferita dell’Amore
Marte armato che chiama alla guerra.

Lucrezio, De rerum natura, I, 32-4 (qui)

Lucrezio – De Rerum Natura (Libro I, 1- 61)

 

download (1)

 

Venere madre di tutte le madri, vita,
umano e divino piacere, sotto il cielo
percorso da stelle e sopra il mare solcato
da navi, sulla terra ricolma di frutti
ogni cosa per te è concepita e
s’alza a vedere la luce del sole,
fuggono lontano i venti e strappano via
le nubi del cielo, ai tuoi piedi la terra
stende fiori, ti sorride l’acqua del mare
e riverbera ovunque la luce.
Quando primavera si diffonde nel giorno
e sciolto Zefiro soffia un fecondo sospiro,
per primi gli uccelli del cielo nel cuore
colpiti annunciano il tuo arrivo. E dopo…
chi salta nei campi, chi nuota nei fiumi,
dalla grazia tua ognuno è rapito
e da te si lascia portare. Per mari
e monti e in travolgenti fiumi e ripari
frondosi e su fiorenti pianure a tutti
e ovunque infondi quel tenero amore
che propaga le genti nel tempo.
Se tu sola governi natura e senza te
niente nasce gioioso e in amore, componi,
o amica, con me i versi sulla Natura
e fascino perenne dona a queste parole
per Memmio già colmo di pregi.
Che d’incanto i fragori di guerra
sui mari placati e in tutte le terre
restino quieti ché serve solo pace.
Vinci con l’eterna ferita dell’Amore
Marte armato che chiama alla guerra.
Quando con la testa riversa si abbandona
e preda del tuo amore con avidi sguardi
di sogno, parole suadenti dalla bocca
spargi su lui e chiedi per noi pace.
Noi non riusciamo in tempi così confusi
compiere un’opera con animo sereno
che sia il bene di tutti per cui ora Memmio
alla causa comune non deve mancare.
E’ proprio della natura divina
godere di vita immortale con pace
assoluta, lontana com’è dalle cose umane,
immensamente distaccata e libera
da ogni dolore, salva dai pericoli,
sicura di sé e non bisognosa di noi,
né sedotta da lusinghe né toccata dall’ira.
E tu, o Memmio, con orecchie sgombre e animo sagace
ascolta la vera dottrina, sciolto da ogni
assillo, perché con disprezzo
non abbandoni i miei doni disposti
con cura fedele prima d’averli compresi.
Ora voglio svelarti la conoscenza
ultima del cielo e degli dèi e i più
remoti elementi delle cose, da dove
la Natura produce, accresce e tutto alimenta,
e in cosa scioglie ciò che dissolve:
è quello, dovendolo esporre come dottrina,
che chiamiamo materia e corpi che generano cose,
o altrimenti siam soliti denominare semi
delle cose o anche corpi primi, perché
tutto prende da loro Esistenza.

 

 

pompei-1

 

 

Aeneadum genetrix, hominum divumque voluptas,
alma Venus, caeli subter labentia signa
quae mare navigerum, quae terras frugiferentis
concelebras, per te quoniam genus omne animantum
5     concipitur visitque exortum lumina solis –                 
te, dea, fugiunt venti, te nubila caeli
adventumque tuum, tibi suavis daedala tellus
summittit flores, tibi rident aequora ponti
placatumque nitet diffuse lumine caelum.
10     Nam simul ac species patefactast verna diei               
et reserata viget genitabilis aura favoni,
aeriae primum volucres te, diva, tuumque
significant initum perculsae corda tua vi.
Inde ferae pecudes persultant pabula laeta
15     et rapidos tranant amnis: ita capta lepore                     
te sequitur cupide quo quamque inducere pergis.
Denique per maria ac montis fluviosque rapacis
frondiferasque domos avium camposque virentis
omnibus incutiens blandum per pectora amorem
20     efficis ut cupide generatim saecla propagent –                 
quae quoniam rerum naturam sola gubernas
nec sine te quicquam dias in luminis oras
exoritur neque fit laetum neque amabile quicquam,
te sociam studeo scribendis versibus esse
25     quos ego de rerum natura pangere conor                         
Memmiade nostro, quem tu, tempore in omni
omnibus ornatum voluisti excellere rebus.
Quo magis aeternum da dictis, diva, leporem.
Effice ut interea fera moenera militiai
30     per maria ac terras omnis sopita quiescant.                              
Nam tu sola potes tranquilla pace iuvare
mortalis, quoniam belli fera moenera Mavors
armipotens regit, in gremium qui saepe tuum se
reicit eterno devictus vulnere amoris,
35     atque ita suspiciens tereti cervice reposta                               
pascit amore avidos inhians in te, dea, visus,
eque tuo pendet resupini spiritus ore.
Hunc tu, diva, tuo recubantem corpore sancto
circumfusa super, suavis ex ore loquellas
40     funde petens placidam Romanis, incluta, pacem.                           
Nam neque nos agere hoc patriai tempore iniquo
possumus aequo animo nec Memmi clara propago
talibus in rebus communi desse saluti.
Omnis enim per se divum natura necessest
45     immortali aevo summa cum pace fruator                                     
semota ab nostris rebus seiunctaque longe.
Nam privata dolore omni, privata periclis,
ipsa suis pollens opibus, nihil indiga nostri,
nec bene promeritis capitur neque tangitur ira.
50     Quod superest, vacuas auris                                               
semotum a curis adhibe veram ad rationem,
ne mea dona tibi studio disposta fideli,
intellecta prius quam sint, contempta relinquas.
Nam tibi de summa caeli ratione deumque
55     disserere incipiam et rerum primordia pandam,                            
unde omnis natura creet res auctet alatque
quove eadem rursum natura perempta resolvat,
quae nos materiem et genitalia corpora rebus
reddunda in ratione vocare et semina rerum
60     appellare suëmus et haec eadem usurpare                                   
corpora prima, quod ex illis sunt omnia primis.