Anne Sexton ~ The Jesus Papers

 

anne sexton 2

 

 

«Chiunque sia Dio continuo a telefonargli.
Non sono sicura che questo sia essere religiosi.
C’è più disperazione che fede in queste mie azioni
».
(Anne Sexton a Dorianne Goetz, giugno 1965)

 

The Jesus Papers

 

Jesus Suckles

Mary, your great
white apples make me glad.
I feel your heart work its
machine and I doze like a fly.
I cough like a bird on its worm.
I’m a jelly-baby and you’re my wife.
You’re a rock and I the fringy algae.
You’re a lily and I’m the bee that gets inside.
I close my eyes and suck you in like a fire.
I grow. I grow. I’m fattening out.
I’m a kid in a rowboat and you’re the sea,
the salt, you’re every fish of importance.

 
Continua a leggere

Friedrich Glauser ~ Morfina

 

L’uroboros
L’uno è tutto, e perciò tutto e per questo tutto, e se l’uno non contiene tutto, allora il tutto è niente.

 

Francis Bacon, Three Studies dor <<<<self Portrait

Francis Bacon, Three Studies for Self Portrait, 1974

 

Sono arrivato alla morfina per vie traverse. Durante la guerra la necessità di ignorare la realtà quotidiana era molto forte, anche nei paesi neutrali. Poiché tollero l’alcol in grandi quantità senza ubriacarmi, cercai un’altra sostanza e incominciai con l’etere. Ma questo veleno è sgradevole. Il suo odore penetrante è difficile da togliere, e il sapore rimane in bocca per giorni e giorni. L’etere aggredisce anche i polmoni. Durante un’infreddatura, di notte ebbi una violenta emorragia polmonare, a mezzanotte fui costretto a cercare un medico; questi mi fece un’iniezione di morfina e mi diede da bere una soluzione concentrata di acqua e sale. Ho ancora un ricordo preciso dell’effetto di quell’iniezione. D’un tratto fui perfettamente sveglio. Un’insolita sensazione di felicità, difficile da descrivere, «s’impossessò di me» (non si può dire diversamente). Anche se a quell’epoca la mia situazione economica era pessima, all’improvviso fu tutto diverso, la miseria aveva perduto ogni importanza, non c’era più, tenevo la fortuna in pugno; era come se, per fare un brutto paragone, tutto il mio corpo fosse stato un unico sorriso. Poi rimasi sveglio, fino al mattino.

Continua a leggere