Franco Loi ~ Poesie del silenzio

 

Rauschenberg

Robert Rauschenberg, White Painting [three panel], 1951; latex paint on canvas, 182.88 cm x 274.32 cm; Collection SFMOMA, New York, NY

 

Silensi

 

1.

Me sun perdü tra i scal, cercavi i port
e û truâ un silensi che spetava
növ, pien de mì e del cercà la sort…
… i scal ne la matina se perdeven
e mì slentavi el pass per mai rivà…
… ah, dré di veder el fiâ della campagna!
bèj firàgn de l’üga ch’j se sgrana,
la lüs del sû ch’aj castenmatt se sfa,
la gioia de la tusa’ m’encantada…
… cume se fa a dì queèl sbandunàss?
quèl stà suspes tra i port sensa parola?
La vûs sculta la vûs per retruàss,
el temp che dré del temp se fa de aria…
… L’è lì, la sta sül fil de la campagna,
e par che nel tasè l’è un recurdàss…

 
Continua a leggere

Maurice Blanchot – La bestia di Lascaux

 

 

Fregio di Lascaux

Il fregio di Lascaux

 

LA BESTIA INNOMINABILE

La Bestia innominabile chiude il
cammino del gregge gentile,
come un buffo ciclope.
Otto bischerate gli fanno da ornamento,
dividono la sua follia
La Bestia rutta devotamente nel-
l’aria rustica.
I fianchi ripieni e cadenti sono
dolorosi, vanno a svuotarsi
della loro gravidanza.
Dallo zoccolo alle sue vane difese,
è avvolta di fetore

Così mi appare nel fregio di
Lascaux, madre fantasticamente
travestita,
La Saggezza dagli occhi pieni di
lacrime.

René Char

 

Continua a leggere